Silvio Berlusconi rinuncia alla sua leadership, andando a Bologna a rimorchio di Matteo Salvini.

Cercando poi esponenti dalla società civile per rilanciare il suo partito o proporne uno nuovo, abdica a rappresentare politicamente quel grande tessuto sociale di moderati, liberali, popolari di cui è stato inevitabile forza aggregante negli ultimi vent’anni.

Lasciando a Matteo Renzi praterie immense. Coerentemente, col percorso del Premier: con la sua ideologia, coi suoi progetti.
Che poco o nulla hanno a vedere con la sinistra, che da lui prima o poi si staccherà. O con la destra, che Salvini cerca di rappresentare. Con un Berlusconi a rimorchio, antinomia di se stesso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...