Umberto Bonanni è promoter, appassionato, esperto di musica, organizzatore e già direttore artistico di concerti e grandi eventi. Spezzino doc e volto più che noto in città, anche se oggi lavora per di più in Toscana. Dopo essersi laureato al DAMS di Bologna, comincia come collaboratore del Teatro Civico di Spezia a fine anni ’90. Negli stessi anni diventa direttore artistico del Jux Tap a Sarzana, organizzando da allora più di 1000 concerti e portando il nome del locale all’onore delle cronache nazionali. È il boom. Da lì arriva Napoli col Neapolis Festival, il Music Village in giro per l’Italia, esperienze a New York e Venezia. Torna a Spezia dal 2005 col festival PopEye: in tre anni porta sul golfo artisti come Lou Reed, Patti Smith e i Sonic Youth. Poi le prime tre Feste della Marineria e il Pistoia Blues, la sua firma forse più importante.

Un percorso professionale dettato dall’amore per le sette note.

 “Certamente, anche se è sempre stato molto trasversale. Ho lavorato nei teatri e nei grandi eventi, ma non necessariamente a tema musicale. Come, appunto, la Festa delle Marineria.”

Perché è più facile trovarti a lavorare fuori dal Golfo?

“Non dovete chiederlo a me. Abito in centro città, mi si può trovare facilmente. Diciamo che fuori da Spezia è più semplice trovare interesse nei progetti artistici, più che sulle persone.”

E la Marineria?

“Una grande soddisfazione personale. Ricordo la prima, datata 2009. Il sindaco Federici lesse un articolo su “Yacht Digest” che suggeriva come Spezia fosse la città ideale per ospitare un grande evento sul tema del mare. Organizzò così un tavolo con diverse competenze, e creammo la Festa della Marineria. Nel 2011 e 2013 sono stato chiamato a rivestire il ruolo di direttore generale.”

L’edizione che gli spezzini ricordano con più entusiasmo è quella del 2013, con la regata delle Tall Ships.

“L’idea delle Tall Ships era nata già negli anni ’90, guardando le “Colombiadi” di Genova. Perché non riproporle a Spezia? E i numeri furono impressionanti: oltre duecentomila visitatori, con cento eventi gratuiti. Un’edizione straordinaria.”

Il 2015?

“Non c’ero più. E preferisco non commentare l’edizione.”

Che giudizio dà del panorama culturale spezzino?

“Negativo. E non è una questione economica: i soldi ci sono. Come i palcoscenici, tra i migliori al mondo. Parliamoci chiaro: Spezia ha potenzialità quasi infinite.”

E perché non decolla?

“È una questione di mentalità: dovremmo esser capaci di guardare oltre i nostri confini, pur senza perdere la nostra identità territoriale. Spezia dovrebbe muoversi in una dimensione nazionale e internazionale: l’evento, in città, deve interessare e attirare soprattutto chi vive fuori la città. Oggi è il contrario.”

Prossimi progetti?

“La prossima settimana aprirà il Beat di Empoli, di cui sono production manager. Quattro giorni di musica, cibo e sport nel Parco di Serravalle di Empoli. Un patchwork di tante esperienze diverse, spremute in un unico contenitore: guardiamo ai modelli dei grandi festival europei, pur senza scimmiottamenti. Settantamila visitatori l’anno scorso, contiamo ora di replicare.”

E il Pistoia Blues?

“Quest’anno abbiamo ospitato Mika, gli Skunk Anansie e Damien Rice. Dopo gli ultimi anni con Santana, Hozier, Ben Harper, B.B. King e tanti, tantissimi altri. Il Pistoia Blues è il mio cordone ombelicale, del quale mi onoro di fare parte e che considero un’eccellenza organizzativa di livello mondiale.”

Il concerto più bello?

“I Pearl Jam a Pistoia del 20 settembre 2006. Era anche il mio compleanno. Spaziale. Hanno chiuso con “Rockin’ in the free world”: può esserci di meglio per un liberale?”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...