Grazie 2016, ma il meglio deve ancora venire

Nel 2016 ho visto per la prima volta Londra e le onde del Pacifico. Dopo molto tempo, ho scoperto un sorriso vero illuminare il volto di mia mamma. Ho completato un Master, faticoso e bellissimo. Ho aperto un’agenzia di consulenza, coordinando poi 5 campagne elettorali grandi e piccole e collaborando con Senatori, europarlamentari, gruppi regionali, associazioni, aziende e professionisti. Dalle finestre del mio nuovo ufficio romano ho guardato i tramonti e i tetti di Roma, Montecitorio, il palazzaccio e il cupolone. Mi sono svegliato all’alba nella mia mansarda, in quella grande bellezza che è la Roma mattutina vuota e silenziosa ai piedi di San Pietro. Ho pregato ai piedi della Pietà di Michelangelo.

Ho corso, ho corso moltissimo. Sul Tevere, nella baia di San Francisco, a Central Park e sul ponte di Brooklyn in quella moderna meraviglia che è New York. E ancora nella Strip di Las Vegas e al Porto Mirabello, ancora e ancora. Ho nuotato in un Canyon nello Utah e alle rosse di Riomaggiore, che sono sempre la piscina più bella del mondo.

Ho scritto su 5 giornali, ricevendo messaggi, complimenti e ringraziamenti da perfetti sconosciuti dai 17 ai 91 anni. E sono stati tutti fantastici, perché nulla c’è di più emozionante che emozionare con le parole, per chi mette quelle parole in fila. Ho visto il nuovo Presidente di quel grande paese che è l’America, vivendo a pochi passi da lui le ore storiche e convulse della sua elezione. Ho conosciuto ragazzi e amici fantastici, a cui brillano gli occhi pensando al futuro. Ed è la qualità più grande che possono avere e che mi possono regalare, quando vivo il mio tempo con loro.

Ma il meglio deve ancora venire. E sarà bellissimo. Ciao 2017

2k16-collage

Carugi Liguria Spezia USA 2016

Storie americane

da New York e Las Vegas, Nevada

 

“Ho 27 anni, sono donna, laureata, i miei genitori sono immigrati e ho votato Trump. Mi fanno ridere quei sapientoni che da dietro lo schermo di un computer hanno sezionato il mio paese, proclamando verità incrollabili come che le donne, gli immigrati di seconda generazione o i giovani votassero Hillary.
Non sono razzista, bigotta, ignorante, misogina o maschilista. Sono nata liberal, crescendo in un piccolo paese del New Hampshire. Ho studiato accumulando un debito incredibile che estinguerò tra 10 anni. Studiavo di giorno, lavoravo la notte in una bakery servendo donuts e cookies, scoprendo cos’è l’America per davvero.

Internazionale Mondo USA 2016
Il day after nel quartier generale di Hillary Clinton

Il day after nel quartier generale di Hillary Clinton

da Brooklyn, New York

Il quartier generale della campagna di Hillary Clinton sorge a Brooklyn Heights, in un’atmosfera d’altri tempi tra palazzi con i tipici brownstones (i mattoncini rossi), le chiese antiche, i lunghi viali alberati che hanno richiamato negli anni l’attenzione di Woody Allen e Truman Capote. Il ponte di Brooklyn lo separa dal vortice della vita di Manhattan, che si osserva nella bellezza iconica della sua Skyline dalle finestre del 10° e 11° piano del grattacielo che fa da base al quartier generale.

Internazionale Mondo USA 2016

La lunga notte elettorale di New York

da New York

New York si riscopre capitale politica a stelle e strisce, nella notte che consegna al mondo e alla storia Donald J. Trump come 45° Presidente degli Stati Uniti d’America.

È rarissimo che due candidati vivano la notte delle elezioni nello stesso stato: quest’anno sono separati da pochi metri della 5th avenue. Donald Trump è naturalmente nel cuore del suo impero, la Trump Tower. Hillary Clinton si è rifugiata al Peninsula, di fronte al rivale e hotel tra i più lussuosi della città, dove ha vissuto l’incubo del suo spoglio.

Breaking News Internazionale Mondo USA 2016

Perché Trump ha già vinto, a un giorno dalle elezioni

Oggi gli Stati Uniti d’America eleggeranno il loro nuovo Presidente.

Sarà un’America molto diversa quella che andrà al voto, rispetto a quella che ha rieletto Barack Obama quattro anni fa. L’elettorato di questa nuova tornata sarà, difatti, il più eterogeneo della storia. Secondo le analisi del Pew Research Center, quasi un elettore su 3 (il 31 per cento!) sarà nero, ispanico, asiatico o appartenente a qualche altra minoranza.

Internazionale Mondo Palazzi USA 2016
L’ultimo comizio di Donald J. Trump

L’ultimo comizio di Donald J. Trump

Da Manchester, New Hampshire.

Donald Trump torna sul luogo del delitto: il New Hampshire è lo stato della sua prima vittoria alle primarie repubblicane, che l’ha lanciato clamorosamente verso la candidatura alla Casa Bianca. Lo fa, coerentemente col personaggio, in grande stile. L’atmosfera che circonda la Southern New Hampshire University Arena ricorda più un grande concerto di una rockstar, che una campagna presidenziale. L’atmosfera è elettrica, l’attesa spasmodica. L’arena è una bomboniera, coi quindicimila sostenitori di The Donald raccolti in un tripudio di cartelloni, bandiere, stelle e strisce.

Breaking News Internazionale Mondo USA 2016
Il secondo dibattito tra Clinton e Trump

Il secondo dibattito tra Clinton e Trump

Il dibattito di stanotte tra Hillary e Trump è stato francamente rivoltante: una rissa da osteria ove mancava soltanto il rutto libero. Ad avvantaggiarsene è stato Trump: pur nella sua settimana horribilis, Hillary non è riuscita a sferrargli il colpo del KO ed è dovuta, addirittura, difendersi dagli attacchi a occhi chiusi del rivale su temi ormai logori come lo scandalo delle mail (“andrai in galera!”) o surreali come le presunte molestie sessuali di suo marito Bill (inquadrato e scioccato, in un’immagine che peserà sulla campagna della moglie più che qualsiasi questione di politica estera).

Internazionale Mondo USA 2016